martedì 28 febbraio 2017

Recensione "Bugie pericolose" di Becca Fitzpatrick

Buon pomeriggio a tutti, un pò in ritardo ma finalmente arriva la recensione per il Domino letterario di Febbraio (che sarebbe dovuta andare online ieri ma a causa di vari problemi è slittata...). Comunque, per la mia tessere ho deciso di recensirvi Bugie Pericolose di Becca Fitzpatrick, edito Piemme (al prezzo di 17,00 euro per la versione cartacea e di 6.99 euro per la versione digitale - puoi acquistarlo QUI)

31743167

Stella Gordon non è il suo vero nome. Thunder Basin, in Nebraska, non è la sua vera casa. Questa non è la sua vera vita... ma dopo aver assistito all’omicidio dello spacciatore di sua mamma, è stata immediatamente inserita nel programma di protezione testimoni.
Stella però non ha nessuna intenzione di vivere lontano dal fidanzato, per di più in un posto dimenticato da Dio e dagli uomini. Risultato: fa di tutto per irritare chi dovrebbe proteggerla e, più in generale, chiunque incontri. Visto che non si tratterrà laggiù un minuto più del necessario, che senso ha farsi degli amici? Il ragionamento fila più o meno liscio, finché non conosce Chet Falconer che è giovane, dannatamente attraente e, più di ogni altra cosa, detesta le bugie.

"...Dobbiamo tutti fare degli errori, perchè è l'unico modo che abbiamo per imparare. (...) Solo che alcune lezioni sono più difficili di altre."

Stella è una diciassettenne, orfana di genitori, affidata a Carmina, una poliziotta in pensione che vive in una piccola cittadina del Nebraska, viene dal Tennesse e non ha nessuno alle spalle. 
Peccato che queste siano tutte menzogne e che Stella in realtà sia una testimone di un crimine che l'ha fatta entrare nella Protezione Testimoni e che l'ha costretta ad abbandonare la madre in riabilitazione e il fidanzato Reed. 
Stella non vuole stare a Thunder Basin perchè non è casa sua, sta solo aspettando di compiere diciotto anni per fuggire con il suo fidanzato Reed (che, fatevelo dire, io non ho mai apprezzato, neanche nel prologo) e trasferirsi altrove. 
Ma pian piano Thunder Basin le entrerà dentro come solo le piccole città ,quelle con una comunità unita e piena di vita, quelle nelle quali incontri persone fantastiche sempre pronte ad aiutarti, un pò rozze certo, ma dal cuore dopo, sanno fare. 

Thunder Basin è il luogo perfetto se si vuole passare un estate a dimenticare il passato e a ricostruirsi una vita,è isolato con gente che si impegna per il sostentamento della città e con sempre qualcosa da fare, anche la cosa più banale come una festa di paese in parrocchia. 

Grazie a Piemme per la copia del romanzo <3
Stella è un personaggio che, stanamente, non mi ha fatto incavolare (non molto, più che altro) perchè ha una certa crescita durante il romanzo e capisce cosa deve o non deve fare (non proprio quando avrei voluto io ma vabbè, non si più avere tutto dalla vita...). 
Durante la narrazione vediamo il cambiamento di Stella farsi sempre più drastico ed evidente grazie, non solo a Carmina, ma a tutti coloro che le stanno vicini, Inny, Dizzy Jo e Chet, in particolare. 
Chet, d'altra parte, è un personaggio che ho apprezzato sin dal primo momento per la sua sincerità, per il suo atteggiamento sarcastico, per il suo modo di atteggiarsi e per il suo modo di prendersi cura delle persone a cui tiene. Chet è un personaggio fantastico, leale e buono e non potevo non innamorarmi di lui *-*. 

Un'altro punto a favore del romanzo è lo stile, infatti è scritto molto bene, in maniera scorrevole e semplice, descrittivo al punto giusto e con dialoghi che fanno sorridere e ridere ma che a volte sono molto seri e toccano il cuore di chi legge. 
I temi trattati nel romanzo non sono i soliti,frivoli temi dei romance, sono tematiche serie che l'autrice ha saputo analizzare, a mio parere, al meglio nella loro complessità perchè ha saputo rendere alla perfezione la dipendenza e i suoi effetti senza togliergli importanza, come spesso accade nei romanzi. 

Insomma, il romanzo mi è piaciuto dalla A alla Z e per questo mi sento di consigliarvelo. L'unica cosa che avrei voluto fosse più approfondita era la storia di Dusty, non solo vista attraverso i racconti di Chet, ma vista dal punto di vista del personaggio stesso. Insomma, Dusty è un personaggio molto complesso e mi è dispiaciuto non sapere qualcosa in più su di lui e sulla sua storia, che anche se legata a quella di Chet è molto diversa. 
Io vi consiglio di leggere questo romanzo perchè, oltre a farvi innamorare di Chet, vi farà impazzire per la sua storia e per il suo stile. 

Bene, questo è tutto con la recensione di oggi! Cosa ne pensate? Lo avete letto? Lo leggerete?
Vi lascio qui sotto il calendario di tutte le tappe del Domino di questo mese, non perdetele:

Image may contain: text

Al prossimo post,
Nali <3

lunedì 27 febbraio 2017

Release Blitz - "Per Addestrarti" di Chiara Cilli


Buongiorno e buon inizio settimana! Oggi con mia grande gioia sono qui per augurare un Felice release day a Chiara Cilli! Oggi, infatti, esce Per Addestrarti, quarto volume della serie dark contemporanea Blood Bonds, il primo con protagonisti André Lamaze e Nadyia Volkov.
Leggete il post sino alla fine, perchè c'è una piccola sorpresa per tutti voi!



Credevo di sapere chi fossi. Cosa fossi.
Credevo di non avere più scampo, che la mia resistenza fosse ormai giunta al termine.

Poi ho sentito la sua voce pronunciare il mio nome.
Poi i suoi occhi hanno risposto al richiamo dei miei.

Non ha paura di me. Si avvicina. Mi parla. Mi tocca come se le appartenessi. È folle.
Lui è l’unica chance che ho per restare viva. Devo far sì che gli importi di me. Che sia lui ad avvicinarsi.

Ma non riesco a starle lontano.
Ma gli basta sfiorarmi perché perda di vista l’obiettivo.

L’arrivo della Regina è vicino.
Dovrò scegliere.

La sottomissione.
O la lama di André Lamaze.

Qualunque sia la sua decisione, finalmente dirò addio alla mia piccola rossa.

Questo romanzo contiene situazioni inquietanti, scene violente e omicidi. Non adatto a persone suscettibili ai temi trattati. +18

NON PERDERE I PRIMI TRE ROMANZI DELLA SERIE




LEGGI L'ESTRATTO


Pianissimo, mi approssimai alla soglia e feci capolino con la testa. André mi aspettava all’inizio della stretta scalinata che portava al pianoterra, un lato del corpo accasciato contro il muro in una posa indolente.
Voleva che lo raggiungessi?
Il suo sopracciglio si inarcò, come a dire Ti muovi o no?
Dunque mi avviai verso di lui con cautela, lanciando occhiate oblique alle porte su ambo i lati del corridoio mentre procedevo attraverso le zone d’ombra e di luce generate dalla scarsa illuminazione. Quando gli fui dinanzi, André piegò il capo per indicarmi le scale. Le guardai in tralice, quindi incominciai a salire gli alti gradini.
Lui era proprio dietro di me, così vicino che potevo sentire il suo respiro nell’orecchio. Avevo la sensazione che l’aura di ghiaccio che lo circondava si stesse espandendo per ammantare anche me e strangolarmi. La avvertivo intorno al collo, come delle dita in procinto di serrarsi.
Mi portai istintivamente una mano alla gola, mi volsi appena per controllare André…
… e misi un piede in fallo.
Protesi le mani per non spaccarmi i denti sullo scalino che mi stava venendo rapidamente incontro, ma d’improvviso mi ritrovai di nuovo dritta. Il braccio di André mi cingeva come un boa, al punto che faticavo a respirare, tanto mi comprimeva sotto i seni. Il suo petto era come acciaio contro la mia schiena.
Rimanemmo così per alcuni istanti – io aggrappata al suo avambraccio, la sua guancia che premeva forte sui miei capelli, i nostri respiri che divenivano sempre più rumorosi.
Il suo cuore era come un tamburo impazzito contro le mie scapole, un battito così veemente da appropriarsi del mio e costringerlo a seguire il suo stesso ritmo forsennato.
«Se volessi ucciderti,» mi sussurrò all’orecchio, sfiorandolo con le labbra, «non avrei bisogno di portarti da qualche altra parte.» Mi strinse a sé ancora di più, facendomi ansimare per la repentina fitta di dolore al costato e l’inaspettata contrazione nel basso ventre. «Lo avrei fatto lì dentro.»
Una scarica di terrore mi fece sbarrare gli occhi. Non ero nient’altro che un topo messo all’angolo, e lui il gatto che provava un piacere sadico nel vedermi tremare, consapevole che la zampata che mi avrebbe tolto la vita sarebbe giunta presto.
Ma non adesso.
Al rallentatore, staccai le mani dal suo braccio e le alzai in segno di resa. Ruotai lievemente il viso verso il suo e annuii piano, fremendo nel sentire la sua bocca sfregare sulla mia guancia.
«Non cadere», disse, l’alito che mi solleticava l’angolo delle labbra. «Non ti prenderò una seconda volta.»


GRAPHIC TEASER




GUARDA IL BOOKTRAILER




PARTECIPA AL GIVEAWAY

Bene, se siete arrivati fino a qui avete scoperto la sorpresa di cui vi parlavo prima! Buona fortuna a tutti coloro che parteciperanno e buona lettura <3

a Rafflecopter giveaway


Cosa ne pensate? Lo leggerete?
Al prossimo post,
Nali <3

P.s. In settimana arriva la recensione del romanzo <3

giovedì 23 febbraio 2017

Blogtour - "La notte della pantera" di Diana J. Stewheart | 7° Tappa

Buon pomeriggio a tutti e benvenuti sul blog! Oggi torno dopo una lunga assenza e per prima cosa voglio scusarmi con voi perchè questa tappa del BT sarebbe dovuta andare online lunedì ma sono stata male (e adesso sono ancora un pò malata, ma con le mani che tremano e tutto devo assolutamente aggiornarvi!) quindi ve la propongo solo oggi.
Oggi voglio parlarvi di La notte della pantera attarverso una recensione che spero vi piaccia!
Il romanzo è di Diana J. Stewheart, edito da Omnia One Group Editore (al prezzo di 1.99 euro per la versione digitale - puoi acquistarlo QUI).


Sensuale come la carezza di un'esperta amante; avvolgente come un buon whisky invecchiato e selvaggia come la giungla. Chi è la Pantera, la misteriosa spogliarellista che sta facendo impazzire tutti coloro che seguono i suoi show? Per scoprirlo, bisogna addentrarsi nei meandri dei locali a luci rosse, tempi degli snuff movies e peep show.

Dusseldorf, Germania, giorni nostri. Il cielo che sovrasta la città, è testimone silenzioso dei delitti che avvengono al Papillon, equivoco locale di spogliarelli. A gestirlo è un certo Hans Schumann, un losco individuo colluso con la malavita internazionale. Per anni è riuscito a mantenere segreti i festini e le orge a base di droga e sesso estremo che si svolgevano al suo interno, ma una notte qualcuno getta nel cortile adiacente il locale il corpo brutalmente straziato di Andrea Moser aspirante ballerina. Da quel momento, Eva Bosch, brillante detective della Squadra Omicidi, dovrà percorrere il tunnel della perdizione che la porterà a conoscere se stessa e a sfoderare armi che non sospettava di avere. 

"...non ci sono vincitori, ma solo un grande vuoto che nessuna eroina potrà mai colmare."

La pantera della notte, come avrete capito dalle precedenti tappe del BT, è un romanzo thiller/erotico che ci racconta la storia di Eva Bosch.
La Bosch è una polizziotta molto particolare, con metodi poco ortodossi, odiata da alcuni, amata dai più con un acerrimo nemico, Hans Schumann. Quest'ultimo è il proprietario di uno dei più famosi locali a luci rosse di Dusserdolf, il Papillon. 
Le vicende vedranno Eva alle prese con un duplice omicidio e che la costringerà ad abbracciare il suo alter ego, la Pantera della notte per smascherare l'assassino e tutte le pratiche illegali del Papillon. 
Ad aiutarla Max, suo fratello, Martin, un vecchio compagno d'accademia e alcuni personaggi secondari ma molto importanti per la narrazione. 

Nonostante il romanzo sia molto carino, la protagonista non mi ha impressionato tantissimo anzi, a tratti non mi è proprio piaciuta per il suo atteggiamento e per le sue azioni. Martin, invece, mi è piaciuto molto come personaggio, davvero molto carino esimpatico, mentre gli altri personaggi mi sono rimasti indifferenti. 

Grazie all'autrice per la copia <3

Per quanto riguarda la narrazione, invece, a parte alcuni refusi e qualche incorrettezza dovuta al dialetto nei tempi verbali, lo stile di scrittura non mi è dispiaciuto. Scorrevole, non troppo descrittivo, ma neanche troppo frettoloso e davvero adatto ad un thriller. 
La cosa che più mi è dispiaciuta a proposito del romanzo è che ho riscontrato alcune incongruenze e alcune mancanze, per esempio alcuni nomi vengono inseriti dal nulla (almeno per quello che ho letto io, magari mi sbaglio eh) o personaggi che cambiano nome come Lizzie, che a volte viene chiamata Claudia (o sono io che mi son persa qualche pezzo?).

Comunque, nel complesso il romanzo è carino, soprattutto la storia che mi ha intrigato moltissimo e per questo non vedo l'ora di leggere il secondo romanzo della serie, nonostante tutto ciò che non mi è piaciuto, perchè la storia è davvero ben organizzata e davvero interessante.

Cosa ne pensate? Lo avete letto? Lo leggerete?
Al prossimo post,
Nali <3

domenica 19 febbraio 2017

Blogtour - "La notte della pantera" di Diana J. Stewheart | 6° Tappa

Buongiorno a tutti lettori! Per la sesta tappa del BT dedicato a La notte della pantera di Diana J. Stewheart vi propongo l'intervista all'autrice, che non sarà una comune intervista, infatti, sarà divisa in tre parti, stile sfida per la nostra autrice. Bene, direi di iniziare subito!

-Prima Prova- 
Qualità di scrittrici. Scrivete in tre righe, l'incontro casuale più sexy che vi viene in mente

Quella mattina mi sentivo triste e demotivata. In una parola: una fallita. Per distrarmi decisi di recarmi al centro commerciale. Fu li che lo vidi. Non molto alto e neppure bello come un dio greco, ma possedeva uno sguardo magnetico e che trasmetteva speranza e gioia di vivere.

-Seconda Prova- 
The character. Descrivete in due righe, il personaggio maschile più affascinante che vi viene in mente.

Max, occhi grigio ardesia e fisico asciutto. Quando sorrideva, le piccole fossette che si formavano attorno alla bocca carnosa erano un invito ad un bacio appassionato.

-Terza Prova- 
Frase ad effetto «Mi sembra certo che lo sbocco normale dell'erotismo sia...» completate a modo vostro la celebre frase di Julien Green.

Mi sembra normale che lo sbocco dell'erotismo sia un cervello che pensa coerentemente.

Bene, questa è l'intervista, cosa ne pensate?
Come sempre, vi lascio il calendario delle varie tappe qui sotto così che non vi perdite neanche una tappa!


Lo leggerete? Vi è piaciuta l'intervista?
Al prossimo post,
Nali <3

sabato 18 febbraio 2017

Blogtour - "La notte della pantera" di Diana J. Stewheart | 5° Tappa

Buon sabato a tutti e benvenuti sul blog! Come vi avevo già annunciato, questa settimana il blog non va in pausa per il weekend, perchè ho una tappa del BT di La notte della pantera di Diana J. Stewheart che voglio condividere con voi <3
Oggi vi parlo dei personaggi principali del romanzo, un pò di fretta perchè devo scappare, ma cercherò di parlarvene al meglio.


Eva Bosch


Eva è la protagonista del romanzo. Di lei sappiamo che è identica a Kristen Stewart, che ha un caratterino niente male che le ha fatto guadagnare il nome di Schiaccianoci all'accademia di polizia, oltre che quello di Pantera, per la sua agilità e per il suo bel corpo, slanciato e snello come quello dell'animale. E' da subito entrata in polizia ma si è subito distinta per i suoi metodi poco ortodossi e per il suo accanimento nei confronti del gestore del famoso locale a luci rosse, Papillon, di proprietà di Hans Schumann. 
Eva viene da una bella famiglia e vive con suo fratello con il quale va molto d'accordo, anche se non si vedono quasi mai per via del loro lavoro. 

Max Bosch


Max, fratello di Eva, è uno stantman professionista che lavora in diverse produzioni cinematografiche. E' identico a Eva per l'aspetto ed è molto legato a sua sorella con la quale ha un rapporto davvero molto forte e con la quale vive da diversi anni, 

Andrea Moser


Andrea è la vittima dell'omicidio commesso nel romanzo. Ha 28 anni ed è una aspirante ballerina che ha già molta esperienza alle spalle ma che, arrivata alla soglia dei trent'anni, sta cercando di trovare un modo per sfondare prima di perdere l'occasione d'oro. Oltre ad essere un' eccellente ballerina è anche molto bella con i suoi lunghi capelli corvini e il suo corpo da sogno!

Hans Schumann

Hans è il protagonista maschile di questo romanzo ed è una persona poco affidabile, proprietario del Papillon. Fa affari con uomini potenti e senza scrupoli, persona che vivono d'apparenza e che solo davanti a lui mostrano il loro vero essere. A lui interessa solo il denaro e prima che succedesse tutto ciò che succede nel romanzo avev in mente di chiudere per sempre il locale a andare su un'isola tropicale a rilassarsi e a spendere tutti i soldi sporchi guadagnati durante gli anni. 

Vi lascio il calendario delle tappe, così non ne perdete neanche una:


Questi sono i personaggi principali del romanzo, cosa ne pensate? Lo leggerete? Lo avete letto?
Al prossimo post,
Nali <3

venerdì 17 febbraio 2017

Blogtour - "La notte della pantera" di Diana J. Stewheart | 4° Tappa

Buongiorno e benvenuti sul blog! Il weekend è alle porte ma questa settimana il blog non va in pausa, anzi andranno online post per tutto il weekend, quindi tenetevi pronti *-*
Comunque, per la quarta tappa del BT voglio immergermi con voi nelle atmosfere di Düsseldorf, città dove è ambientata la storia di La notte della pantera di Diana J. Stewheart, della quale sto ospitando il BT da ormai un pò di giorni e che spero stiate seguendo assiduamente, perchè io mi sto impegnando tantissimo per proporvi post interessanti, quindi non deludetemi eh (scherzo, ovviamente ahahahah). Venite con me tra le strade di una delle città più importanti della Germania e fatevi catturare dalle sue atmosfere *-*


L'intero romanzo si svolge tra le strade di Düsseldorf, principalmente tra il Locale Papillon, il distretto di polizia e alcune strade attorno a questi due posti principali, nelle quali verranno ritrovati i cadaveri o si svolgeranno le indagini. 

Dusseldorf Airport Map Related Keywords &amp; Suggestions - Dusseldorf ...

Il Papillon, il locale diretto dal protagonista maschile del romanzo, in cui si svolgono eventi fuori dal comune, violenti, illegali e, a volte, al limite dell'umanità, il luogo dove è il denaro a contare e non la salute delle persone che vi "lavorano", in realtà è un complesso residenziale, nato dallo smantellamento e dalla ristrutturazione di un vecchio rudere.

Referenzen | mhi immobilien Gruppe – Verantwortung für Werte

In questo locale sono ambientate le scene più "violente" e al limite dell'umanità, scene di omertà, violenza, inciviltà e dove vengono infranti i diritti umani più basilari, come quello di libertà. 

Queste sono le informazioni di base che vi servono per addentrarvi nel mondo di questo romanzo, siete pronti?
Nel frattempo vi lascio il calendario delle varie tappe, così non ne perdete neanche una!


Cosa ne pensate? Lo leggerete? Lo avete letto?
Al prossimo post,
Nali <3

giovedì 16 febbraio 2017

Blogtour - "La notte della pantera" di Diana J. Stewheart | 3° Tappa

Buongiorno e buon giovedì! Continua il BT dedicato a La notte della pantera, romanzo di Diana J. Stewheart, che io sto attualmente leggendo e mi son fatta catturare nella trappola della pantera, perchè mi sta piacendo molto *-* Comunque, oggi per la terza tappa condividerò con voi le curiosità sul romanzo, alcuni dei retroscena che hanno contribuito alla scrittura del romanzo e che vi faranno guardare in maniera diversa il romanzo e che, magari vi spingeranno a leggerlo!
Ho deciso che al posto di rielaborare le curiosità ve le farò raccontare dalla stessa autrice, che con entusiasmo ha voluto condividere con voi questi piccoli retroscena.


La prima curiosità riguarda la protagonista del romanzo, la detective Eva Bosh, che con il suo caratterino darà filo da torcere a tutti coloro che si metteranno sulla sua strada e che ci farà scappare anche qualche sorriso.

Per delineare Eva Bosch, la protagonista, mi sono ispirata alla mia attrice preferita, Kristen Stewart. Come lei, Eva non ha paura di mostrare la sua vera natura e non si nasconde dietro ipocrisie e falsità. Inoltre, le somiglia come una goccia d'acqua!



La seconda curiosità vi farà dire "Cosa non si fa per i propri romanzi" e credo che tutte le autrici, come Diana, capiranno ahahahah Infatti, le autrici fanno qualsiasi cosa per rendere credibili e il più veritieri possibile i propri romanzi anche le cose più fuori dal comune...
Per rendere più veritiere le descrizioni degli spogliarelli, ho assistito ad uno spettacolo di burlesque e poi ad un vero spogliarello.
Adesso capite cosa intendevo, vero?


E' risaputo che tutti gli autori e le autrici hanno una loro forma d'ispirazione, alcuni usano fatti realmente accaduti, altri sogni o cose che gli passano per la testa, altri edifici, foto o semplicemente parole o frasi. Altri ancora, usano la musica come ispirazione. Ovviamente ogni romanzo ha un diverso genere e per questo la musica cambia a seconda dei gusti dell'autrice, del genere del romanzo o dal tipo di protagonisti...

Il libro é infarcito di musica di vario genere ed infatti, quando scrivo, ho sempre gli auricolari. La musica che mi ispira? Le colonne sonore della Twilight Saga, i valzer di André Rieu e musica horror in generale.

Bene, queste erano le curiosità e i retroscena a proposito del romanzo!
Come nelle precedenti tappe, vi lascio il calendario del BT:


Cosa ne pensate? Siete rimasti colpiti da qualcosa in particolare?
Al prossimo post,
Nali <3

Segnalazione "La rugiada della Notte" di Federica Ferretti

Buongiorno a tutti e buon giovedì! Oggi voglio parlarvi di un romanzo collegato ad un'iniziativa che non potevo non condividere con voi. Il romanzo è La rugiada della Notte di Federica Ferretti, edito Genesis Publishing (al prezzo di 2.99 euro per la versione digitale e di 7.90 euro per la versione cartacea - puoi acquistarlo QUI).
Il romanzo è legato alla campagna #stopfemminicidio e #pariopportunità dal titolo #noiciamiamo.


La rugiada della notte rappresenta tutto ciò che di impossibile riusciamo a salvare dentro al nostro cuore, scampato appunto alla propria notte più lunga. Ed è perciò la migliore metafora per rappresentare la travolgente storia d’“amore” tra Edoardo e Adriana. Viene raccontata con il senno di poi, forse perché “ricordare una cosa significa vederla, ora soltanto, per la prima volta”.
Ciò vuol dire che Edoardo, ormai anziano, durante una vacanza estiva, cercherà di ripercorrere insieme a suo nipote i passi più salienti della propria vita matrimoniale, accorgendosi solo alla fine che, in realtà, “noi ci amiamo dal primo istante”. A mano a mano, si delineerà una vera saga familiare, che occupa l’arco temporale dalla metà degli anni ‘50 ad oggi, con ripercussioni pure sull'uso della rete come mezzo d'innamoramento: ma uscirà in un sequel che promette grandi fibrillazioni nell’intreccio di destini tra la coppia Adriana-Giovanni (l’amante storico), con quello dei nipoti dei due fedifraghi.
Quando le vicende dei protagonisti principali, i coniugi Edoardo-Adriana, contrastata dal riemergere dell’antico rivale Giovanni, si intrecceranno con quella del giovane Enrico che, a sua volta, dovrà confrontarsi con la nipote di Riccaboni.
Si tratta di “una storia di donne per le donne”, esposta però da una prospettiva maschile, quella del marito di Adriana, in un percorso di crescita che lo porterà a ribadire la necessità di dimostrarsi i propri sentimenti senza più riserve.
Per sottolineare, ancora per una volta, la dualità della campagna, quale un incitamento ad abbattere la barriera dell’incomunicabilità sentimentale nella coppia moderna.

Cosa ne pensate? Lo leggerete? Lo avete letto?
Al prossimo post,
Nali <3

mercoledì 15 febbraio 2017

WWW...Wednesday #67

Buon pomeriggio! Oggi il post va online un pò in ritardo perchè sono malaticcia e ho dormito sino alle 12 saltando scuola e tutto...Ora, prima di mettermi a studiare, volevo condividere con voi le mie letture del momento, quindi eccomi qui con il www, come ogni mercoledì. Voi come state? State leggendo molto in questi giorni? O siete troppo impegnati?



What are you currently reading?
(Cosa stai leggendo?)

33547234 34090769

Ho iniziato due giorni fa La notte della Pantera, un thriller che mi sta davvero piacendo e di cui trovate le prime due tappe del BT ospitato dal mio blog QUI e QUI. Poi ho ripreso oggi, dopo aver interrotto per qualche giorno la lettura, Madame Claudel è in un mare di guai, che sta prendendo una bella piega e che, adesso, mi sta piacendo un pò più di prima!
Il primo arriverà sul blog il 20 febbraio , nell'ultima giornata del BT, mentre il secondo verso fine settimana.

What did you finish reading?

(Cosa hai finito di leggere?)

32466997

Ho finito oggi di leggere L'armonia segreta di Geraldine Brooks, bello, bellissimo e non vedo l'ora di parlarvene! Ora, però, mi sorge un dubbio, preferite che vi faccia una normale recensione sul blog o una video recensione? 

What did you finish reading?
(Cosa hai finito di leggere?)


punto interrogativo  32319074

Devo leggere un romanzo misterioso per una cosa speciale che sto organizzando con alcuni altri blog e poi, per la KK Unicorn reading Challenge, devo leggere La collezionista di libri proibiti (e devo muovermi perchè sono indietro...)

Bene, questo è tutto con l'aggiornamento sulle letture di oggi. Io vado a studiare ma voi fatemi sapere quali sono le vostre letture! 
Al prossimo post,
Nali <3

Blogtour - "La notte della pantera" di Diana J. Stewheart | 2° Tappa

Buon mercoledì e benvenuti lettori! Oggi seconda tappa del BT dedicato a La notte della pantera di Diana J. Stewheart, edito Omnia One Group Editore (al prezzo di 1.99 euro per la versione digitale - puoi acquistarlo QUI). La tappa di oggi è dedicata agli estratti dal romanzo che spero vi piacciano!

L'immagine può contenere: sMS


"La Pantera lascia scivolare a terra i veli che ricoprivano il suo corpo. Procace e sinuoso, tra selvaggio come la giungla e voluttuoso come il serpente che le avvolgeva i seni tra le spire..."



"E' nata prima la donna o il serpente? Dove inizia il bene e finisce il male?"

Questi erano due estratti direttamente dal romanzo che a me piacciono moltissimo e che spero possano intrigarvi e spingervi a leggero!
Qui di seguito vi lascio, come nella scorsa tappa, il calendario con tutte le date e gli argomenti del BT:


Vi hanno incuriosito? Cosa ne pensate? 
Al prossimo post,
Nali <3